È così dannatamente fragile e impossibilitata al mondo.

È facile vedere quella ragazza con la sua amica: ne ha una in tutto. Degli altri non si fida, a pensarci bene a volte si fida poco anche di lei. Cammina a papera, raramente mostra i propri occhi, sembrerebbe quasi sempre in ammirazione delle proprie scarpe.I capelli, si tocca i capelli almeno una volta al minuto.Di certo non emana tranquillità. … Continua a leggere

Alla donna che sono stata voglio bene.

Anche se era fragile non è mai stata debole, anche se era stanca e sfinita non ha mai smesso di lottare. Ha saputo resistere. Alla donna che sono stata sento di dover riconoscere dei meriti, molti: il coraggio di sbagliare, la volontà di esserci, la responsabilità di scegliersi. [Fabio Volo, Le prime luci del mattino]