Mattia lo sapeva. Sapeva tutto quanto, ma non riusciva a muoversi da dov’era.

Come se, abbandonandosi al richiamo di Alice, potesse ritrovarsi in trappola, annegarci dentro e perdersi per sempre. Era rimasto impassibile e in silenzio, ad aspettare che fosse troppo tardi. [Paolo Giordano, La solitudine dei numeri primi]