Vagava per l’appartamento silenzioso come il fantasma di se stessa,

inseguendo senza fretta la propria lucidità. Sto impazzendo, pensava alle volte. Ma non le dispiaceva. Anzi, le veniva da sorridere, perché finalmente stava scegliendo lei. [Paolo Giordano, La solitudine dei numeri primi]